Ieri, 17 Dicembre (18/12/12)

Quando cammino nelle manifestazioni, penso.

Si, mi piace perdermi nei cortei e riflettere. Forse perchè mi sento protetto, coccolato, invitato a pensare.

Ieri a Firenze ho potuto farlo mirabilmente, accompagnato dai canti di preghiera senegalese.

E’ stata una manifestazione straordinaria. Nel senso che è andata ben al di là dell’ordinarietà dei nostri cortei tradizionali, fin dalla partenza da Massa: tantissime persone, tantissimi senegalesi. Tutti i compagni di una vita, giovani e meno giovani.

E poi l’arrivo a Rifredi e il treno che si svuota. E la gente che comincia a scendere e non finisce più. Tante facce senegalesi sorridenti, tese, arrabbiate, solari. Tante facce italiane, forse un po’ stranite, ma felici, estremamente felici.

Firenze è straordinaria in queste situazioni. Accoglie il corteo, vi partecipa, comunica e ascolta. Non si merita un sindaco come Renzi.

Esiste un proletariato migrante che può sconvolgere la politica italiana. Che porta la rivoluzione possibile direttamente a casa nostra. Che sconvolge le nostre pratiche ormai stanche, che osa.

Il potere comincia a capirlo, lo teme fortemente: e quindi o lo reprime o cerca di inglobarlo. Ma anche noi, movimento antagonista, ne subiamo la novità dirompente. Questo proletariato, etnico e interetnico allo stesso tempo, comincia a presentarci il conto. Ed è un conto salato per le nostre coscienze politiche: ci dice che la rivolta è possibile semplicemente perchè ha già cominciato a praticarla, senza paura di equilibri politicanti da rispettare. Ci dice che noi siamo rimasti indietro e che se vogliamo stare al passo, dobbiamo abbandonare le titubanze delle alchimie classiche e le esitazioni del “vorrei ma non posso”.

Sono contento.

Grazie Senegal d’Italia, piango anch’io i tuoi morti.

This entry was posted in Antifascismo, Antirazzismo, Manifestazioni and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *